Il mondo cambia, cambia menù

Agli italiani piace stare a tavola. E nonostante la situazione attuale, le persone non rinunciano a uscire a pranzo o a cena.

Così, oltre ad adeguare spazi e organizzazione del lavoro, i ristoratori si sono anche chiesti: “Come evitare che i clienti tocchino il menù, senza che il cameriere debba recitare l’elenco dei piatti a memoria?”
La tecnologia ha trovato una risposta: i menù digitali, consultabili facilmente sul pc o sul proprio smartphone grazie ad App che hanno di fatto azzerato le distanze fra ristoratore e cliente.

Capaci di suggerire i locali più vicini, con sezioni dedicate alla condivisione di foto e recensioni da parte degli utenti e con funzionalità sviluppate per prenotazioni e delivery, i menù digitali stanno riscuotono sempre più successo ed hanno trasformato la semplice consultazione di un menù in una divertente “social food experience”.

Grazie ai menù digitali il cliente può sapere prima se il ristorante propone piatti adatti alle sue specifiche esigenze (basti pensare alle volte che un vegano si deve accontentare di una semplice insalata…).

Ma i menù digitali sono anche un passo verso una gestione più “green” del locale:  meno spreco di carta e plastica.

Insomma, i menù digitali sono una bella opportunità per semplificare la scelta di cosa ordinare e, per il gestore del locale, di assumere brillantemente una doverosa precauzione. A tutto vantaggio della relazione personale fra chef, addetti di sala e commensali,  che restera il punto cardine di una food experience appagante.

© Copyright - Be Eat Cookie Policy Privacy Policy